News Trident

F2 TRIDENT - ABU DHABI FEATURE RACE

F2 TRIDENT - ABU DHABI FEATURE RACE

FIA F2 Championship, Yas Marina, Feature Race Report

La prima manche dell’epilogo stagionale del FIA Formula 2 Championship non ha portato fortuna ai colori del Team Trident. Arjun Maini ha colpito una vettura rimasta ferma sulla griglia di partenza, mentre Alessio Lorandi non è riuscito a entrare nella top-ten.

Nella prova d’apertura del dodicesimo e ultimo appuntamento stagionale del FIA Formula 2 Championship, di scena sul tracciato di Yas Marina, i portacolori del Team Trident non hanno avuto fortuna. Il ventenne pilota di Bangalore Arjun Maini ha colpito allo start la vettura di Nicholas Latifi, rimasta ferma sullo schieramento di partenza. L’urto è stato violentissimo e ha costretto entrambi i piloti, incolumi, al ritiro. La corsa è stata neutralizzata dalla safety-car per numerosi giri, in modo da consentire ai commissari di ripulire la pista e rimuovere le vetture incidentate. Alessio Lorandi, scattato dall’ultima posizione in griglia a causa di una penalizzazione subìta nel precedente appuntamento disputato a Sochi, è uscito indenne dal crash allo start. Grazie ad un solido ritmo gara, il ventenne rookie di Salò ha chiuso in tredicesima posizione una manche in rimonta, nella quale a tratti si è espresso su ritmi molto competitivi. Ora i piloti del Team Trident analizzeranno i dati raccolti nel corso della Feature Race con l’obiettivo di preparare al meglio la Sprint Race di domani, che coinciderà con l’atto conclusivo della stagione. I meccanici del Team Trident lavoreranno alacremente per cercare di riparare in tempo la vettura di Arjun Maini.

Giacomo Ricci, Team Manager

Purtroppo l’incidente allo start ha messo fuori gioco Arjun Maini, che aveva impostato una gara in rimonta. Alessio Lorandi è invece uscito indenne dall’incidente in partenza e ha espresso un buon ritmo gara. Ci aspettavamo molto di più da questa giornata. Daremo il massimo per chiudere la stagione con una prestazione convincente nella Sprint Race di domani”.