News Trident

FIA F2 Championship, Bahrain, Race Preview

FIA F2 Championship, Bahrain, Race Preview

Il prossimo fine settimana sulla pista del deserto del Bahrain a Sakhir scatterà la nuova stagione del FIA Formula 2 Championship. I colori del Trident Motorsport saranno difesi dal nipponico Marino Sato e dall’olandese Bent Viscaal. Obiettivo della squadra tricolore è iniziare il nuovo campionato con una prestazione convincente.

Per il FIA Formula 2 Championship è arrivato il momento di riaccendere i motori e dare il via ad una nuova stagione che si preannuncia incerta, avvincente ed impegnativa. Il punto di partenza del campionato 2021 sarà il Bahrain International Circuit, uno dei tracciati più frequentati dal circus della seconda categoria. Sulla pista del deserto le monoposto di Formula 2 hanno disputato due round di campionato tra la fine dello scorso novembre e l’inizio di dicembre, hanno svolto i pre-season test dal 8 all’ 10 marzo, ed ora sono pronte a inaugurare una nuova campagna. Il Trident Motorsport affronterà le insidie della pista ubicata a sud della Capitale Manama con un duo inedito rispetto a quattro mesi fa. La squadra italiana ha confermato il ventunenne pilota del Sol Levante Marino Sato, protagonista di un campionato 2020 in crescita, che sarà affiancato dall’olandese Bent Viscaal, proveniente dal FIA Formula 3 Championship, categoria nella quale l’anno scorso ha conquistato una vittoria e due podi. Il ventunenne driver dei Paesi Bassi ha ben impressionato, come del resto il team mate nipponico, nei pre-season test, cogliendo il secondo tempo assoluto. Ora che ci saranno punti in palio, la concorrenza sarà molto agguerrita. Il Trident Motorsport e i suoi alfieri dovranno abituarsi velocemente al nuovo format del fine settimana di gara, che prevede ben tre corse, due Sprint Race ed una Feature Race, e avrà ritmi inediti e particolarmente serrati. Un’altra variabile è data dalle nuove mescole (hard e soft) nominate dalla Pirelli. Per le squadre sarà importante definire la strategia che consentirà di ottimizzare il risultato complessivo al termine delle tre frazioni. Ogni monoposto avrà a disposizione sei set di pneumatici slick, uno in più rispetto alla precedente stagione. La pista di Sakhir, nel lay-out Grand Prix, misura 5.412 km. Il senso di marcia è orario, i pneumatici sul lato destro subiscono sollecitazioni superiori a causa della conformazione della pista.  Per quel che concerne la distanza delle tre manche, la Feature Race avrà una percorrenza di 32 giri, mentre le Sprint Race si disputeranno su 23 tornate. Le insidie della pista del deserto sono ben conosciute dai protagonisti della serie cadetta.   Servirà far fronte a rilevanti escursioni termiche, amplificate dal fatto che le corse sono previste sia durante le ore diurne che al tramonto. Inoltre, il forte vento e la sabbia, che spesso si deposita in traiettoria, complicheranno il lavoro di squadre e piloti. Infine, la struttura abrasiva del manto stradale acuisce il degrado termico degli pneumatici.

Giacomo Ricci, Team Manager: 

“Finalmente inizia il FIA F2 Championship 2021! Il calendario quest’anno è composto da otto round, ciascuno dei quali prevede ben tre corse. Bisognerà interpretare bene il nuovo format e impostare una strategia che ci consenta di massimizzare i nostri risultati nel contesto delle tre corse settimanali. Lo staff tecnico e i piloti hanno svolto un meticoloso lavoro di preparazione alla nuova stagione. Puntiamo a iniziare il campionato con una prestazione convincente, penso che ci siano tutte le potenzialità per fare bene!”.

I motori delle monoposto del FIA Formula 2 Championship si accenderanno venerdì alle ore 13:05, quando è previsto il turno di prove libere.   Nella stessa giornata sono in programma le qualifiche, alle ore 16:30. Sabato sarà la volta delle Sprint Race alle ore 13:25 e 19:40. La Feature Race è in programma domenica alle ore 13:50. Come di consueto, l’attività in pista sarà integralmente seguita in diretta da Sky Sport F1. Gli orari sono espressi nell’orario locale, due ore in anticipo rispetto al Central European Time (CET).