News Trident

FIA F2 Championship, Bahrain, Sprint Race Report

FIA F2 Championship, Bahrain, Sprint Race Report

Roy Nissany e Marino Sato, scattati rispettivamente dalla quindicesima e dalla ventesima posizione sullo schieramento di partenza, sono stati protagonisti di una solida corsa di rimonta, coronata per l’israeliano con la nona posizione finale. 
 
Nella Sprint Race, in chiusura dell’undicesimo round stagionale del FIA Formula 2 Championship, i portacolori del Team Trident hanno disputato una positiva corsa di rimonta, senza riuscire a conquistare la zona punti. Marino Sato, scattato dalla ventesima posizione sullo schieramento di partenza, non ha avuto esitazioni allo start e, sin dalle prime battute di gara, ha mantenuto un solido ritmo che gli ha consentito di risalire fino all’undicesima posizione finale, a un soffio dalla decima. Il pilota di Yokohama, che in questi fine settimana è stato penalizzato dal fatto che non ha disputato le prove libere, ha chiuso la sua prima uscita stagionale in Bahrain con una prestazione incoraggiante, in netto progresso rispetto alla manche disputata ieri. Rimarchevole anche il bilancio di giornata di Roy Nissany, ben risalito dalla quindicesima piazzola sullo schieramento di partenza fino al nono posto, che ha sigillato una giornata sicuramente positiva per la squadra. Un giro in più avrebbe probabilmente consentito al pilota di Tel Aviv di guadagnare un'altra posizione e muovere la sua classifica e quella del Team Trident. Il calendario non dà il tempo di rilassarsi in questo impegnativo finale di stagione. Il prossimo fine settimana la categoria sarà nuovamente protagonista sull'incandescente pista di Sakhir, dove si correrà in una configurazione del tracciato diversa, in quella che sarà l’ultima tappa della stagione.  Ora lo staff tecnico e i piloti si concentreranno sul lavoro di preparazione alla nuova sfida sulla scia dell’incoraggiante prestazione odierna. 
 
Giacomo Ricci, Team Manager
 

“Siamo soddisfatti per la performance odierna, arrivata su una pista impegnativa e tecnica come Sakhir. Roy Nissany è stato autore di una convincente rimonta che l’ha portato in nona posizione. Un giro in più gli avrebbe probabilmente permesso di superare anche Drugovich e tornare in zona punti. Positiva anche la giornata di Marino Sato, ben risalto dal ventesimo all’undicesimo posto. Il fatto di non aver disputato le prove libere ha penalizzato il pilota di Yokohama. Sullo slancio dell’incoraggiante prestazione odierna dobbiamo preparare l’ultima prova della stagione, un programma il prossimo fine settimana ancora a Sakhir”.