News Trident

FIA F2 Championship, Hungaroring, Feature Race Report

FIA F2 Championship, Hungaroring, Feature Race Report

Nel terzo appuntamento stagionale della serie, di scena sul tracciato dell’Hungaroring, i portacolori del Team Trident sono stati coinvolti in una collisione nelle primissime fasi di gara che ha comportato il ritiro per entrambi. 

Nella manche d’apertura del terzo atto stagionale del FIA Formula 2 Championship, di scena sul tracciato dell’Hungaroring, i portacolori del Team Trident sono incappati in una giornata poco fortunata. Nel corso del secondo giro il driver israeliano Roy Nissany è arrivato lungo alla staccata che segue il rettilineo dello start. La monoposto del driver di Tel Aviv, con le ruote bloccate, ha urtato quella di Marino Sato che aveva già impostato la curva. Per entrambi gli alfieri del Team Trident la collisione ha comportato l’immediato abbandono. Sato e Nissany avevano l’obiettivo di compiere una corsa di rimonta, dal momento che nella sessione di qualifica, contrassegnata da pista bagnata, non erano riusciti ad andare rispettivamente oltre il diciannovesimo e ventesimo tempo. Nissany si è prontamente scusato con il team mate e con la squadra per l’errore compiuto e le sue conseguenze. In una corsa molto movimentata, entrambi avrebbero trovato l’occasione per fare esperienza e mettersi in mostra, dato che la strategia scelta dalla squadra era quella corretta. Ora i piloti insieme allo staff tecnico hanno l’obiettivo di preparare al meglio la Sprint Race, che scatterà domani mattina alle ore 11:10, nel contesto di un fine settimana che fino a questo momento è stato avaro di soddisfazioni. 

Giacomo Ricci, Team Manager:

“C’è poco da dire al termine della Feature Race. Purtroppo i nostri portacolori sono stati protagonisti di una collisione nelle primissime fasi di gara che comportato l’immediato ritiro per entrambi. E’ un vero peccato, visto che la corsa è stata ricca di colpi di scena ed i nostri ragazzi avrebbero potuto mettersi in mostra. La strategia della squadra era quella giusta.”