News Trident

FIA F2 Championship, Monza, Feature Race Report

FIA F2 Championship, Monza, Feature Race Report

Sulla pista di casa, portacolori del Team Trident non hanno raccolto risultati in linea con le attese. Roy Nissany, quinto in qualifica, ha subito una penalizzazione di dieci secondi a seguito di un contatto con un rivale. Marino Sato ha faticato con il ritmo gara.

 Nella manche d’apertura dell’ottavo round stagionale del FIA Formula 2 Championship, di scena sulla velocissima pista lombarda, i portacolori del Team Trident non hanno raccolto risultati in linea con le attese della vigilia. Nel turno di qualifica, Roy Nissany e Marino Sato avevano ottenuto rispettivamente il quinto e il tredicesimo tempo, mostrando, soprattutto nel caso del pilota di Tel Aviv, un rimarchevole livello di competitività. Dopo essere scattato dalla terza fila sullo schieramento di partenza con i pneumatici “prime”, quelli con la mescola più scura, Nissany ha occupato a lungo la sesta posizione. Un contatto con un rivale, punito dagli stewards con una penalità di dieci secondi e scontato nel corso del cambio gomme, ha costretto il pilota israeliano a chiudere nelle retrovie. Più lineare è stata la corsa di Marino Sato. Il driver nipponico, scattato dalla settima fila sullo schieramento di partenza, ha incontrato problemi con il passo gara e ha concluso in ventesima posizione alle spalle del team mate. Ora i piloti e lo staff tecnico affronteranno il lavoro di preparazione alla Sprint Race, che scatterà domani mattina alle ore 11:10.

Giacomo Ricci, Team Manager:

“E stata una corsa difficile per i nostri piloti. Roy Nissany si è agganciato con Mazepin subendo una penalità di dieci secondi, che ha rovinato il suo risultato. Il pilota israeliano aveva colto un ottimo quinto tempo nel turno di qualifica, auspicavamo un risultato migliore nella corsa di casa. Marino Sato ha invece  faticato a trovare il passo gara, il suo ritmo non è stato brillante” .