News Trident

GP3 TRIDENT - ABU DHABI SPRINT RACE

GP3 TRIDENT - ABU DHABI SPRINT RACE

GP3 Series, Yas Marina, Sprint Race Report

In occasione dell’epilogo stagionale i colori del Team Trident sono stati ben difesi da Ryan Tveter, quinto sotto la bandiera a scacchi. Gli altri portacolori del Team Trident non hanno conquistato la zona punti. La scuderia milanese si conferma seconda forza nella graduatoria squadre.

Nel corso della frazione conclusiva sul tracciato degli Emirati,  tradizionalmente sede dell'ultimo atto stagionale della categoria, la prima tornata è risultata decisiva nelle sorti della corsa di ben tre dei quattro portacolori del Team Trident. Il teenager tedesco David Beckmann, secondo nella Feature Race, è stato coinvolto un una collisione multipla che ha causato il suo immediato ritiro e costretto gli steward ad impiegare la virtual safety car. Pochi metri più avanti, anche la vettura di Pedro Piquet è stata urtata da un rivale. A causa del contatto, il promettente pilota sudamericano è stato costretto all'abbandono. Giuliano Alesi, grande protagonista della corsa, ha subito una penalizzazione di cinque secondi per una violazione commessa nel periodo di virtual safety car ed è stato retrocesso al decimo posto. A mantenere alti i colori del Team Trident, in una corsa nella quale le altre vetture della scuderia milanese non hanno potuto esprimere il loro potenziale, è stato il ventiquattrenne newyorkese Ryan Tvete,r che ha artigliato la quinta posizione finale al termine di una corsa molto solida. Il Team di Maurizio Salvadori ha colto con ampio vantaggio sui più diretti rivali la seconda posizione nella graduatoria riservata alle squadre.

Giacomo Ricci, Team Manager

“La manche conclusiva della stagione non ci ha premiati. La corsa di ben tre delle nostre vetture è stata condizionata da situazioni verificatesi già nel corso del primo giro. Volevamo congedarci al termine di un campionato disputato su ottimi livelli con un nuovo risultato di prestigio. Sono contento per la buona prestazione di Ryan Tveter, che ha colto un solido quinto posto”.