News Trident

FIA F2 Championship, Spielberg, Feature Race Report

FIA F2 Championship, Spielberg, Feature Race Report

Sui sali scendi del circuito ubicato in Stiria, sede dell’apertura stagionale della categoria, il driver israeliano Roy Nissany ha colto una convincente decima posizione. Marino Sato non ha preso il via a causa di un problema tecnico non dipendente dalla squadra. 

Sul circuito del Red Bull Ring, sede della prima tappa stagionale del FIA Formula 2 Championship, il Team Trident ha aperto il nuovo campionato con un piazzamento nella top-ten, colto grazie alla decima posizione conquistata dal venticinquenne driver di Tel Aviv Roy Nissany. Il pilota israeliano, scattato dall’ottava fila sullo schieramento di partenza, è stato protagonista di un avvio assai incisivo, che gli ha consentito di portarsi all’interno della top-ten sin dalle prime fasi della Feature Race. Già nel corso dell’ottava tornata, il terzo pilota della Williams era già risalito al decimo posto. Dopo aver assolto il pit-stop, Nissany ha mantenuto un convincente ritmo gara che gli ha consentito di ripagare il lavoro della squadra con il primo punto stagionale. Il driver israeliano, tornato alle corse dopo un’annata d’inattività, ha impressionato lo staff tecnico per il suo effort e la qualità della performance. Non è stato altrettanto fortunato il debutto stagionale del ventunenne pilota del Sol Levante Marino Sato. Il driver di Yokohama, protagonista di un testacoda in qualifica, non ha preso il via a causa di un problema al propulsore non dipendente dalla squadra. Lo staff tecnico del Team Trident è ora impegnato con i piloti nel lavoro di analisi dei dati raccolti, al fine da preparare con la consueta attenzione la Sprint Race, che sarà di scena domani alle ore 11:10. 

 Giacomo Ricci, Team Manager 
“E’ molto importante iniziare il nuovo campionato con un risultato positivo. Siamo soddisfatti per l’ottima performance di Nissany, che porta il primo punto alla squadra nella corsa d’esordio stagionale dopo un anno di assenza dalle corse. Il team è realmente soddisfatto dalla performance e dall’effort del pilota israeliano. L’obiettivo nella Sprint Race di domani e di entrare nuovamente in zona punti. Per quel che concerne SatoMarino è stato impossibilitato a prendere il via a causa di un problema al propulsore non imputabile alla squadra. Domani lo attende un’impegnativa corsa di rimonta”.