News Trident

Trident allunga in vetta alla classifica rookie

Trident allunga in vetta alla classifica rookie

Trident allunga in vetta alla classifica rookie

 

Prosegue l’ottimo momento del team Trident, che a Spa-Francorchamps ha nuovamente chiuso in top-10 in entrambe le corse, conquistando punti preziosi per la classifica che collocano la squadra italiana a sole sei lunghezze dal quinto posto nella classifica team.

 

Con il doppio risultato in zona punti conquistato in entrambe le manche dell’appuntamento di Spa-Francorchamps, Trident ha allungato la propria striscia di risultati utili. Al debutto nella competitiva Formula Regional European Championship by Alpine, la squadra di Maurizio Salvadori ha infatti centrato la zona punti su tutti e sette i circuiti incontrati fino a questo momento. Solamente in due delle 14 gare disputate fino a questo momento nessuno dei tre piloti Trident è riuscito ad andare a punti.

 

Il fine settimana di Spa è iniziato con ottime premesse ed un potenziale molto positivo emerso fin dalle prove libere. Nel primo turno di qualifica, disputato giovedì sera, Tim Tramnitz è emerso in terza posizione nel gruppo A, seguito da Leonardo Fornaroli, quarto nel gruppo B. Roman Bilinski ha invece chiuso sesto nella prima batteria. 

 

Il secondo turno è invece stato disputato venerdì mattina ed ha determinato la griglia di partenza della prima corsa, disputata nel pomeriggio. Fornaroli ha preso il via dalla sesta posizione, mentre Bilinski e Tramnitz rispettivamente dalla 11esima e 13esima. 

 

Il 17enne di Piacenza è subito sfilato quinto, ma nelle fasi centrali di gara non è riuscito a tenere il passo del gruppo di testa, perdendo tre posizioni per ritrovarsi in ottava piazza. Nelle battute conclusive è passato al contrattacco, andando a scavalcare un rivale per salire in settima posizione. Tramnitz alle sue spalle lo ha imitato e dalla 13esima casella si è portato in nona, ma quando stava per sferrare l’assalto decisivo l’esposizione della bandiera rossa ha congelato la corsa. In seguito alla squalifica di un altro pilota Fornaroli è balzato in sesta piazza, Tramnitz è stato promosso in ottava, mentre Bilinski ha sfiorato la zona punti, terminando 11esimo. 

 

In gara 2 Tramnitz è scattato dalla quinta piazza e ha mantenuto per tutta la durata della corsa la leadership della classifica riservata ai rookie. Alle sue spalle Fornaroli ha scavalcato Owen Tangavelou per la piazza d’onore di classe, portandosi nella scia del compagno di squadra. L’ingresso della safety car ha congelato le posizioni a due giri dal termine, consegnando a Trident un’altra doppietta tra i rookie. Bilinski non è invece riuscito a confermare quanto di buono mostrato nelle qualifiche e in gara 1, perdendo alcune posizioni per chiudere 19esimo assoluto.

 

Grazie a questi risultati Trident riduce il gap nei confronti del quinto posto nella classifica riservata alle squadre, mentre Fornaroli aumenta il proprio vantaggio al vertice della classifica rookie. Tramnitz, forte della quarta vittoria stagionale, consolida il podio di classe, avvicinando a propria volta la piazza d’onore.

 

Roman Bilinski: “Sabato mattina nel secondo turno di qualifica avevamo un ottimo potenziale e sono rimasto in quarta posizione fino all’ultimo, prima di essere scavalcato da due piloti. Da 11esimo ho avuto un ottimo primo giro, salendo in settima piazza, ma da quel momento non ho più trovato il ritmo. Ho faticato molto con il degrado delle gomme, perdendo cinque posizioni. Domenica ho avuto una gara difficile. Dopo una buona partenza ho iniziato a perdere facilmente posizioni sui rettilinei, forse a causa di qualche problema tecnico. Non vedo l’ora di tornare in azione a Spielberg per il prossimo appuntamento”.

 

Tim Tramnitz: “La mia qualifica 2, dopo un buon tempo nella prima, non è stata molto buona. Ho faticato a trovare il giusto spazio nel traffico e non ho potuto mettere tutto insieme. Abbiamo fatto buoni progressi sulla vettura per gara 1 e ho avuto un ottimo primo giro prima di ingaggiare un duello con Roman. Ho cercato di ottimizzare i push-to-pass, concludendo in ottava posizione. Peccato per la bandiera rossa perché avevo salvato un push-to-pass per l’ultimo giro ed ero molto vicino all’auto che mi precedeva, quindi avrei potuto guadagnare un’altra posizione. In gara 2 sono partito quinto e ho avuto una buona partenza, ma la safety car ha congelato la gara quasi subito. I primi tre giri dopo la safety car sono stati buoni, ma poi ho iniziato a faticare, specialmente con le gomme posteriori e il passo è calato. Sono stato un po’ fortunato con l’ingresso della safety car ma credo di aver ampiamente meritato quest’altra vittoria tra i rookie”.

 

Leonardo Fornaroli: “Abbiamo avuto due belle qualifiche, chiuse in quarta e terza posizione nel gruppo B. Purtroppo non sono riuscito a mostrare il vero potenziale che avevo, la macchina era veramente competitiva e anch’io mi sentivo molto bene alla guida, ma ho fatto qualche piccolo errore e non sono riuscito a mettere insieme il mio miglior giro nel Q1, mentre sabato mattina per colpa del traffico ho avuto un solo passaggio a disposizione. In gara 1 ho fatto una buona partenza, sfilando quinto, ma poi non sono riuscito a tenere un buon passo. Ho perso un paio di posizioni, limitando i danni ripassando Haverkort. Anche la partenza di gara 2 è stata abbastanza positiva. Subito dopo la safety car ho recuperato una posizione e con pista libera ho dimostrato di avere un buon passo, andando a riprendere Tramnitz e Tangavelou. Mi sentivo molto bene alla guida e dopo aver passato Tangavelou stavo per andare all’attacco di Tramnitz, ma la safety car ha congelato la gara. Un altro secondo posto tra i rookie e tanti punti importanti per la classifica, in cui allungo sul secondo di classe”.